Nuvole di Bellezza
Ciao carissimo Ospite e benvenuto nel nostro mondo dedicato alla Bellezza!

Per poter accedere alle varie sezioni del forum occorre registrarsi, è molto semplice, basta scegliere un nickname, una mail valida e una password!
Una volta fatta la registrazione ti consigliamo di presentarti in modo che tutti noi potremmo darti il giusto benvenuto!

Ti aspettiamo!

Unisciti al forum, è facile e veloce

Nuvole di Bellezza
Ciao carissimo Ospite e benvenuto nel nostro mondo dedicato alla Bellezza!

Per poter accedere alle varie sezioni del forum occorre registrarsi, è molto semplice, basta scegliere un nickname, una mail valida e una password!
Una volta fatta la registrazione ti consigliamo di presentarti in modo che tutti noi potremmo darti il giusto benvenuto!

Ti aspettiamo!
Nuvole di Bellezza
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Andare in basso
Onda del Mare
Onda del Mare
Admin
Admin
Status :
Online
Offline


Numero di messaggi : 3598
Data d'iscrizione : 31.05.09
Età : 37
Località : Genova

Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine Empty Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine

Dom 30 Mag 2021, 10:36
Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine 711bb610



Cervello: 4 rimedi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine
Scopri la funzione del sistema glinfatico per contrastare disturbi neurodegenerativi

Aai che un accumulo di tossine nel cervello può contribuire a sviluppare una infiammazione che può favorire le malattie croniche e neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer, e disturbi cognitivi che generalmente sono ritenuti legati all’età che avanza?

Le tossine sono una minaccia per il nostro organismo, soprattutto quando il corpo non riesce a smaltirle correttamente, perché accumulandosi favoriscono uno stato di infiammazione cronica e silente (detta di basso grado, perché non dà sintomi) che però sul lungo periodo crea molti disturbi di salute.

Le tossine possono accumularsi in qualsiasi parte del corpo, compreso il cervello che, come ogni altro organo, ha necessità di essere protetto. Queste sostanze vengono in parte prodotte dallo stesso organismo come composti di scarto (ad esempio proteine, molecole reattive dell'ossigeno - meglio noti come radicali liberi - ioni in eccesso ecc.) e in parte vengono accumulate a causa di uno stile di vita errato e fattori ambientali e alimentari.

Se non vengono eliminate tempestivamente, possono compromettere la nostra salute: le malattie neurodegenerative sono comunemente associate a un accumulo di questi prodotti di scarto che non sono adeguatamente eliminati.

Il compito di tenere pulito il cervello dalle tossine spetta al sistema glinfatico; lo hai mai sentito nominare? E no, non ho sbagliato a scrivere, e non lo sto confondendo con il sistema linfatico, anche se il meccanismo d'azione è simile e i due sistemi sono collegati.

Saprai che il sistema linfatico è il più grande sistema di filtraggio e filtraggio dell'organismo. È composto da organi, linfonodi, vasi e condotti che producono, immagazzinano e distribuiscono la linfa a tutti i tessuti e, allo stesso tempo, drenano tutti i liquidi e le sostanze di scarto in eccesso. Svolge, inoltre, una importante funzione immunitaria.

Anche il sistema glinfatico, situato nel cervello, è un grande sistema di smaltimento dei rifiuti che è stato scoperto recentemente (in seguito a uno test di laboratorio nel 2012 nella University of Rochester Medical Center) [1]. È formato da tunnel perivascolari e da cellule gliali, fra cui anche gli astrociti. Anche questo sistema, come il linfatico, distribuisce nutrienti ai tessuti, come lipidi, amminoacidi e glucosio, e mantiene pulito il sistema nervoso eliminando la spazzatura.

Le cellule della glia o gliali (che danno il nome a questo sistema) supportano, nutrono, proteggono e isolano i neuroni, e svolgono un ruolo importante all’interno del sistema nervoso centrale. Gli astrociti, il tipo più comune di cellule della glia, hanno dei particolari recettori sulla loro membrana, detti acquaporine (AQP4), che permettono al liquido cerebrospinale (o cefalorachidiano) di scorrere fluidamente, così che possa:


  •  proteggere il cervello e il midollo spinale da eventuali traumi,
  •  nutrire il sistema nervoso centrale, portando i nutrienti,
  • regolare la pressione intra-craniale adeguando il proprio volume alle variazioni della massa cerebrale e del flusso sanguigno,
  • eliminare le tossine dal tessuto cerebrale.


Detto in parole semplici, le cellule gliali formano un sistema di drenaggio che si sviluppa lungo le vene e le arterie del cervello, permettendo al fluido cerebrospinale di scorrere in modo da poter abbracciare tutto il cervello e proteggerlo adeguatamente. Allo stesso tempo, il fluido raccoglie i rifiuti (proteine solubili e metaboliti) dal sistema nervoso centrale e li convoglia al sistema linfatico, al quale si connette attraverso un complesso di nervi e vasi nei punti di ingresso e di uscita del cranio.

Questo sistema deve quindi restare funzionale per permettere il corretto smaltimento delle tossine, soprattutto nelle persone non più giovanissime. Secondo uno studio infatti, quando il sistema glinfatico perde la sua funzionalità e viene compromesso (a causa dell'età), può causare il declino cognitivo negli anziani, rendendo il cervello più vulnerabile alle malattie neurodegenerative. [2]

Se il sistema glinfatico non riesce a detossinare adeguatamente il sistema nervoso e l'area del cervello, il materiale di scarto comincia ad accumularsi. Secondo i ricercatori della University of Rochester Medical Center proprio questa condizione può facilitare l'accumulo dei depositi di amiloide (delle proteine che si aggregano in maniera anomala formando delle placche insolubili) che favoriscono la comparsa del morbo di Alzheimer. Per questo, secondo gli stessi ricercatori, mantenere efficiente l'attività del sistema glinfatico potrebbe essere un'arma in più per contrastare questo importante fattore di rischio.

Il malfunzionamento del sistema glinfatico non è legato solo alle malattie neurodegenerative, dato che è stato messo in relazione anche con problemi oculari legati all'età, in particolare con comparsa di glaucoma e degenerazione maculare senile. [3]

Ma cosa favorisce il declino del sistema glinfatico? Finora le ricerche hanno messo in evidenza questi fattori:


  • età,
  • infiammazione cronica,
  • problemi legati al sonno,
  • glicemia alta,
  • stress cronico,
  • presenza di tossine ambientali.


Tenere funzionale il sistema glinfatico è indispensabile per mantenere la naturale omeostasi (quindi il nostro benessere) e contrastare più possibile il declino della nostra salute. Di seguito quindi di propongo alcuni integratori che possono aiutarti a contrastare i fattori che possono contribuire a danneggiare questo fondamentale sistema di pulizia.

Romina, la naturopata di Macrolibrarsi
Onda del Mare
Onda del Mare
Admin
Admin
Status :
Online
Offline


Numero di messaggi : 3598
Data d'iscrizione : 31.05.09
Età : 37
Località : Genova

Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine Empty Re: Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine

Dom 30 Mag 2021, 10:38
Curcumina - contrasta l'infiammazione

Fra le cause che facilitano la congestione del sistema glinfatico c’è l’infiammazione cronica. Si tratta di un fattore che oltre a impedire il corretto smaltimento delle tossine, può danneggiare la barriera emato-encefalica (che ha funzione di difendere il cervello dalle tossine) esponendo il cervello a un maggiore inquinamento e a malattie cerebrali legate all'età. [4]

Oltre all’alimentazione ricca di alimenti ad azione naturalmente antinfiammatoria, attività fisica fatta quotidianamente e uno stile di vita equilibrato, ad azione naturalmente antinfiammatoria, puoi assumere della curcumina, uno degli attivi che contiene la Curcuma, la spezia ormai diventata une delle più note in campo salutistico.

Utilizzata da sempre nella secolare medicina ayurvedica, la Curcuma ha dimostrato di avere effetti benefici anche sul cervello, dato che svolge azione protettiva sulle cellule del sistema nervoso centrale, contrastando la disfunzione mitocondriale che può facilitare Parkinson e Alzheimer. [5]

Esempio di Curcumina che puoi acquistare in QUESTA PAGINA


Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine 81nl1l10
Onda del Mare
Onda del Mare
Admin
Admin
Status :
Online
Offline


Numero di messaggi : 3598
Data d'iscrizione : 31.05.09
Età : 37
Località : Genova

Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine Empty Re: Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine

Dom 30 Mag 2021, 10:40
Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine Deccde10



Ashwagandha - migliora il sonno & allevia lo stress

Sai perché fino a una decina di anni fa il sistema glinfatico era solo ipotizzato ma nessuno lo aveva realmente individuato? In parte, perché funziona solo quando dormiamo, mentre quando siamo svegli si inattiva. Il ciclo sonno veglia regola infatti la produzione di fluido interstiziale cerebrale e del liquido cerebrospinale.

Quando dormiamo il cervello svolge molte funzioni, come ad esempio provvedere a formare e consolidare i ricordi, ottimizzando le connessioni neuronali. I problemi del sonno, non ostacolano solo queste funzioni ma, sul lungo periodo, possono favorire anche:  


  • il deterioramento dei neuroni,
  • la riduzione delle dimensioni del cervello, soprattutto negli over 60 anni.


L'insonnia cronica o anche il sonno di scarsa qualità (svegliarsi già stanchi al mattino) possono aumentare il rischio di malattie neurodegenerative. [6] A questo proposito, è stato messo in evidenza il legame tra invecchiamento, mancanza di sonno e aumento del rischio di Alzheimer e altre forme di demenza. Più il sonno è profondo, più efficiente è il processo di rimozione dei rifiuti dal cervello, più il sistema nervoso mantiene la propria funzionalità. [7]

Allo stesso tempo, l'azione adattogena della pianta è utile per alleviare lo stress, considerato un altro fattore importante che può congestionare il sistema glinfatico, aumentando il rischio di perdita di memoria e neurodegenerazione. In quanto adattogeno, è in grado di rendere l’organismo più resistente agli episodi di stress che spesso si trova a dover gestire quotidianamente e che rischiano di indebolirlo.

Esempio di Ashwagandha che puoi acquistare in QUESTA PAGINA

Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine 71bwij10
Onda del Mare
Onda del Mare
Admin
Admin
Status :
Online
Offline


Numero di messaggi : 3598
Data d'iscrizione : 31.05.09
Età : 37
Località : Genova

Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine Empty Re: Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine

Dom 30 Mag 2021, 10:43
Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine 8b235710

Cannella e Acido lipoico per la glicemia

Secondo alcuni ricercatori fra le cause che ostacolano il buon funzionamento del sistema di pulizia nel cervello ci sono glicemia alta cronica, insulino-resistenza, e diabete.

L'insulino resistenza e il diabete danneggiano vene e capillari, congestionando di conseguenza anche il sistema glinfatico e linfatico. Nello studio condotto [8] gli scienziati hanno scoperto che nei topi con diabete di tipo 2, la clearance (cioè la depurazione) del liquido cerebrospinale era visibilmente rallentata. Hanno anche trovato una correlazione tra deficit cognitivi e compromissione del sistema glinfatico: se la spazzatura non viene smaltita, le abilità di pensiero vengono ostacolate.

Ma c'è di più: sai che sempre più spesso l'Alzheimer viene chiamato diabete di tipo 3? L’insulino-resistenza è un altro fattore che può facilitare la formazione delle placche amiloidali: ciò spiega come mai nei malati di Alzheimer si riscontri un basso livello di insulina nel cervello.

 Esempio di Acido Alfa Lipoico che puoi acquistare in  QUESTA PAGINA


Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine 71x7wc10



Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine 71fy4k10


Ultima modifica di Onda del Mare il Dom 30 Mag 2021, 10:47 - modificato 1 volta.
Onda del Mare
Onda del Mare
Admin
Admin
Status :
Online
Offline


Numero di messaggi : 3598
Data d'iscrizione : 31.05.09
Età : 37
Località : Genova

Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine Empty Re: Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine

Dom 30 Mag 2021, 10:45
Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine 8048b910

Sistema linfatico



Poiché il sistema glinfatico è collegato a quello linfatico al fine di smaltire correttamente le tossine intrappolate, entrambi i sistemi devono funzionare, altrimenti è come spostare l’immondizia da una stanza all’altra di casa senza mai buttarla.

Poiché il sistema linfatico promuove la pulizia di tutto l’organismo, contribuendo anche a mantenere la funzionalità del sistema immunitario, è bene che sia funzionante, per evitare che possa indebolire tutto l'organismo, favorendo disturbid di diverso tipo.

Per mantenere attivo il tuo sistema linfatico viene suggerito il Succo di Betulla, che agisce appunto depurando il sistema linfatico, favorendo l’espulsione delle tossine attraverso l’azione diuretica. Contrasta quindi anche la ritenzione idrica, e i conseguenti gonfiori soprattutto di gambe e caviglie, e l’inestetica cellulite.

Esempio di Succo di Betulla che puoi acquistare in QUESTA PAGINA

Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine 61fnfx10
Onda del Mare
Onda del Mare
Admin
Admin
Status :
Online
Offline


Numero di messaggi : 3598
Data d'iscrizione : 31.05.09
Età : 37
Località : Genova

Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine Empty Re: Cervello: 4 modi per mantenerlo efficiente e depurarlo dalle tossine

Dom 30 Mag 2021, 10:46
Fonti dell'articolo

[1] N. Aalling Jessen, A.S. Finmann Munk, I. Lundgaard, M. Nedergaard, The Glymphatic System: A Beginner's Guide, "Neurochem Res.", 2015 Dec; 40(12):2583-99.
[2] B.T. Kress, J.J. Iliff, M. Xia, M. Wang, H. Wei, D. Zeppenfeld, L. Xie, H. Kang, Q. Xu, J. Liew, B. Plog, F. Ding, R. Deane, M. Nedergaard, Impairment of paravascular clearance pathways in the aging brain, "Ann Neurol.", 2014 Dec; 76(6):845–861.
[3] X. Wang, N. Lou, A. Eberhardt, Y. Yang, P. Kusk, Q. Xu, B. Förstera, S. Peng, M. Shi, A. Ladrón-de-Guevara, C. Delle, B. Sigurdsson, A.L.R. Xavier, A. Ertürk, R.T. Libby, L. Chen, A.S. Thrane, M. Nedergaard, An ocular glymphatic clearance system removes β-amyloid from the rodent eye, "Science Translational Medicine", 25 Mar 2020; 12(536).
[4] I.C.M. Verheggena, M.P.J.Van Boxtela, F.R.J. Verheya, J.F.A. Jansenb, W.H. Backesb, Interaction between blood-brain barrier and glymphatic system in solute clearance, "Neuroscience & Biobehavioral Reviews",
2018 Jul; 90:26-33
[5] H. Bagheri, F. Ghasemi, G.E. Barreto, R. Rafiee, T. Sathyapalan, A. Sahebkar, Effects of curcumin on mitochondria in neurodegenerative diseases, "Biofactors", 2020 Jan; 46(1):5-20.
[6] Z. Zhao, X. Zhao, S.C. Veasey, Neural Consequences of Chronic Short Sleep: Reversible or Lasting?, "Front Neurol.", 2017; 8:235.
[7] M. Nedergaard, S.A. Goldman, Brain Drain, "Sci Am.", 2016 Mar; 314(3): 44–49.
[8] Y.-K. Kim, K. Il Nam, J. Song, The Glymphatic System in Diabetes-Induced Dementia, "Front Neurol.", 2018 Oct 31; 9:867.
Torna in alto
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.